Astratti furori

Something terribly wrong, dear Americans

Posted in Senza categoria by maelström on lunedì, 2 maggio 2011 13:40 CET

C’è qualcosa di profondamente sbagliato. Questa è la primissima impressione che ricevo, nel guardare le immagini dei newyorkesi in festa. Osama Bin Laden sarebbe morto, ucciso con un colpo in testa dai soldati americani che lo inseguono da 10 anni. Gli americani quindi riempiono le piazze, agitano l’Old Glory, gioiscono, si baciano, si caricano i figli in spalla, esultano. Il presidente degli Stati Uniti ammette: “giustizia è fatta”. C’è qualcosa di profondamente sbagliato. E di spaventoso. Se il verbo “ammazzare” può assumere una connotazione positiva a seconda dei casi; se “uccidere” è accettabile fintantoché noi siamo i “buoni”, allora con che coraggio condannare un uomo che, percependo d’aver subito un’ingiustizia, scende in piazza, fa una strage tra la folla, e con la bava alla bocca esulta “giustizia è fatta!”? A prescindere dal soldato che ha materialmente compiuto l’atto, chi ha ucciso veramente Osama Bin Laden? Non è forse l’intera società americana ad averlo fatto? Non è forse ciascuno di quegli americani scesi in piazza ad aver premuto il grilletto? E non è forse la stessa ragione per cui ciascuno di quegli americani verrebbe sottoposto ad un’iniezione letale? C’è qualcosa di profondamente sbagliato. Mi chiedo come facciano, in queste ore, certi genitori americani a spiegare ai propri figli a cavalcioni sulle spalle il motivo di tanta gioia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: